RSPope.jpg

Me la Rai?

By

Nell’età della comprensione del valore della vita ho fatto un patto con Dio/Jesus/Spirito Santo: avrei cercato di non schiacciare più, a meno che non fosse involontariamente, alcune piccole bestiole del creato.

'MMAZZA CHE ROBBBA - "Cioè, de sicuro sempre meglio de Saturno Contro, cioè, armeno qua se ballava e se cantava, la passione mia ahò"

Una sera afosa di luglio ruppi questo patto. Non si capisce perché quella volta Noè abbia invitato sulla sua Arca quella coppia di zanzare, ma mi trovavo con una gang organizzata di questa specie attorno alle mie appetitose carni. Il sonno me lo ero giocato, controllo la mail. Un messaggio proveniente dall’indirizzo assange@gmail.com mi fa trasalire. Oggetto:”Nome in codice NON E’ LA RAI”.

Il contenuto di questo messaggio mi ha fatto dire per la prima volta: “HANNO VINTO LORO”.

Ve lo racconto.

Non è la Rai, secondo il biondino chiacchierone fa parte di un programma miltare/governativo atto alla NON reazione dell’individuo di fronte a puttanate.

Scelsero un regista, uno che avesse lo stesso sguardo perverso della realtà di Schicchi ma che lo desse meno a vedere: l’insospettabile Buoncompagni. Decise che un telone azzurro e una ventina di sedie al Centro Palatino di Roma potevano andare come ruolo di protagonista. Poi c’erano le ragazze, la scenografia. Mancava un presentatore e i militari crearono un droide con fattezze di Ambra Angiolini che imitava alla perfezione guaiti, gemiti e strilli umani. Il momento più importante del programma era l’effetto “allevamento polli ruspanti Amadori” creato dalle bimbe/scenografia è Ambra che canta e balla “T’appartengo” ed, alla fine del pezzo, ansimante e senza microfono (alle soglie del coma), con un gesto manda 45 minuti di pubblicità. Il Programma venne smantellato dopo 4 stagioni, Ambra scoprì di avere sentimenti umani e riuscì a fuggire, facendo film “ci stai dentro ‘na cifra zia” per poi finire tra le braccia di Renga. Le ragazzine si sono disperse imboccando la medesima strada: foto porcellone-sposare calciatore-Olgettina. Ogni tanto qualcuna ritorna, non contenta dei danni fatti.

Cosa mai puo’ aver fatto un programma così innocuo, concepito da organismi semplici monocellulari? Al massimo qualche ragazzino fingeva improvvisi attacchi di colite per rinchiudersi nel bagno o qualche arzillo vecchietto riprovava sopiti appetiti, no?

NO. Dopo aver vinto i “Pedophilian Award” nel ’92, “Non è la Rai” fece credere che qualcosa era possibile, che si poteva accettare le più ignobili trasmissioni, condite di culi, di Sgarbi e di stacchetti mortificanti, che puttaneggiare sempre e ovunque è uno stile di vita vincente e che il Viagra è lì, alla portata di tutti, come le bomboniere ad un matrimonio.

No, non era la Rai, ma adesso si puo’ dire ancora dopo vent’anni e tutte queste rivelazioni?Diciamo la verità: è un po’ la Rai.

Fonte foto: tvblog

ago 8th, 2011 | Category: Memorabilia
Tags: , , , , ,