RSPope.jpg

Gli editoriali del direttore

Stavamo per morire berlusconiani

Stavamo per morire berlusconiani

Abbiamo rischiato la decadenza e a dodici ore dall’estinzione del nostro account inter nautico, abbiamo ridato vita e luce a questo angolo di  parole e vecchie idee. Forse meritavamo di morire, da alunni del Biscione divenuti antiberlusconiani. Irriconoscenti. Ci meritiamo la televisione in bianco e nero e gli impiegati statali in perenne malattia. Ci meritiamo
[continua a leggere...]

Commissari e commissioni

Commissari e commissioni

A che serve la democrazia rappresentativa se poi i rappresentanti si rivolgono ad esperti, professori e tecnici per ottenere nuove norme, leggi e regolamenti? Che senso ha uno Stato che nomina commissario di una società in dissesto industriale e strutturale, l’ultimo amministratore delegato di quella società che poi era stato scelto in accordo dall’ultimo governo
[continua a leggere...]

Astensioni e referendum, è ora di cambiare

Astensioni e referendum, è ora di cambiare

Astensione nelle elezioni amministrative, sotto quorum nel referendum sui finanziamenti alla scuola nel comune di Bologna. I dati sull’affluenza nel capoluogo emiliano sono impietosi: su 290mila aventi diritto, ieri sono andati a votare soltanto 85.934, pari al 28,71 per cento. Questo tipo di referendum cittadini è per regolamento soltanto consultivo e dunque non richiede un
[continua a leggere...]

Altro che retorica, il Concertone si ferma per la pubblicità

Altro che retorica, il Concertone si ferma per la pubblicità

Il Concertone è decaduto nell’attenzione del suo pubblico o è quest’ultimo ad aver smarrito il senso dell’evento, della giornata e del messaggio politico? O sono gli organizzatori, i sindacati, ad aver snaturato il senso di un raduno che da 24 anni porta nella capitale l’unica traccia della sinistra giovane, egualitaria e culturalmente libera presente nel
[continua a leggere...]

Piombo sul Governissimo

Piombo sul Governissimo

Era difficile tenere i nervi saldi mentre Beatrice Lorenzin giurava quale Ministro della salute della Repubblica Italiana. E forse anche al brigadiere Giangrande, che adesso lotta per la vita, stavano girando le scatole. Magari con il collega, Francesco Negri, stava discutendo proprio di queste signore del governo paracadutate senza un perché sulle poltrone che contano.
[continua a leggere...]

Che fretta c’era, potevamo votare a primavera !

Che fretta c’era, potevamo votare a primavera !

Pioggia, neve e venti di burrasca. Il voto di febbraio 2013 è già una notizia. Mai elezioni al freddo in tanti anni di Repubblica Italiana. Mai a Febbraio, era ovvio fino a qualche tempo fa. Adesso invece urgono e si fanno anche contro il tempo e il calendario. Mai elezioni dall’esito così difficile e allo
[continua a leggere...]

Un’altra Italia è possibile ?

Un’altra Italia è possibile ?

Iniziamo l’anno elettorale 2013 riportando una lettera aperta trasmessa  per mail, non so da chi abbiano avuto la mia, che stringi stringi si è rivelata dire tanti concetti espressi su Rassegna Stagna dal sottoscritto. Onde evitare ripetizioni morbose al limite del paranoico, vi riporto l’incipit che considero la parte più costruttiva del tutto (se non
[continua a leggere...]

Rassegnati per il mancato arrivo degli alieni

Rassegnati per il mancato arrivo degli alieni

Pastone politico 2012, il più difficile di sempre. Fatevene una ragione. I maya sono stati fraintesi. Il Medioevo è finito. Mario Monti si è dimesso. Proponendosi di tornare se a qualcuno piacerà la sua agenda per l’Europa e per l’Italia. Non si candida, chiede a qualcun’altro di raccogliere i voti per lui e di rimetterlo in
[continua a leggere...]

Storie disoneste nel tempo della crisi

Storie disoneste nel tempo della crisi

Quando studiavo giornalismo e i prof mi dicevano che i quotidiani locali sono l’unica realtà utile e immortale nel mercato giornalistico mi sembrava paradossale e cinico speculare sulle vicende piccolo borghesi di mariti traditi e ragazzi fermati con la storia di erba in tasca. I giornali locali fanno i paginoni sulle multe sequestrate il sabato
[continua a leggere...]

Il diritto all’oblio

Il diritto all’oblio

Nel decreto che muta le norme d’applicazione del reato di diffamazione spunta il diritto all’oblio. Un principio inedito ma funzionale. Chi si sente leso e offeso dallo scritto a mezzo stampa o internet potrà chiedere oltre alla rettifica, la cancellazione del medesimo. Un captatio benevolentiea su richiesta dell’interessato. Una pacchia per chi sentitosi scoperto e/o oltraggiato teme per la
[continua a leggere...]