RSPope.jpg

Gli editoriali del direttore

Sallusti condannato a 14 mesi, per Gigirix chiesto l’ergastolo !

Sallusti condannato a 14 mesi, per Gigirix chiesto l’ergastolo !

Alessandro Sallusti è stato condannato a 14 mesi di carcere (esecuzione pena sospesa) per aver diffamato un giudice, la Cassazione ha confermato la condanna. La notizia sta facendo tremare le gambe di tavoli e sedie nella bellissima redazione della Rassegna Stagna. Gigirix non ha aperto bocca per tutto il pomeriggio, e a sera ha fatto
[continua a leggere...]

Innocence of the manager

Innocence of the manager

Bellissimi lettori di RS, il vostro direttore vi pensa sempre. Nel prepartita di San Siro, mentre bevo birrette artigianali e mangio patatine al formaggio, la voglia di comunicare con voi è alta. Settembre è in  piena continuità con i mesi che l’hanno preceduto: ristrettezza economica, rinunce al superfluo e rabbia sociale inversamente proporzionale alla capacità
[continua a leggere...]

Dite a Balotelli di sorridere

Dite a Balotelli di sorridere

Il miglior intervento della partita di Bonucci non ci permetterà di sapere quello che Mario Balotelli ha detto a tutto lo stadio, a tutta la squadra o a tutta la nazione dopo il gol del 2a0 al 87° di Italia-Irlanda. Il dito rotante, la faccia nervosa di sempre, il labiale che si intravede appena per
[continua a leggere...]

Guardo solo il meteo e le vignette di Campagna

Guardo solo il meteo e le vignette di Campagna

Un direttore senza parole rinuncia all’incarico o si da alla latitanza. Io, fedele al mio paese, ho scelto la seconda opportunità. Mi sono stancato di parole e politica, parole e calcio, parole e terremoto, parole e bomba, parole e bombarolo. E poi non se ne sa più nulla. Non se ne fa più nulla. Le
[continua a leggere...]

Il signor Rossi è libero d’incazzarsi

Il signor Rossi è libero d’incazzarsi

C’è la rabbia di un momento e il coraggio perenne dell’ipocrisia. Con 56 milioni di signor Rossi vicini alla crisi di nervi, alla crisi esistenziale, in crisi affettiva, economica, politica, d’identità, con la crisi morale mutatasi in peste bubbonica, pronti a venire alle mani per un parcheggio, c’è qualcuno che critica mister Rossi per l’aggressione ad
[continua a leggere...]

Sull’orlo di una Nichi di Vendola

Sull’orlo di una Nichi di Vendola

Se un politico è in deficit di popolarità lo vedrete spuntare da ogni parte come il prezzemolo. E magari vi sembrerà ogni volta diverso e comunque ripetitivo. A me succede con Nichi Vendola. Passato dall’anonimato autunnale allo scoramento primaverile, dopo aver dissolto una potenziale nuvola di consensi nell’arco di pochi mesi. Per recuperare, da sagace
[continua a leggere...]

#matteorenzi #anche alighieri avrebbe twittato

#matteorenzi #anche alighieri avrebbe twittato

“Nati non foste per viver come bruti ma per seguir virtude e conoscenza in 140 caratteri ci sta” parola di Matteo Renzi. Nel corso della presentazione del suo libro “Stil Novo. La rivoluzione della bellezza tra Dante e Twitter” il sindaco di Firenze ha proposto una sincretica analisi della Comunicazione: “Si parte dal presupposto che la
[continua a leggere...]

Come far crescere l’ego di un direttore

Come far crescere l’ego di un direttore

Contatti record in tutta la giornata del licenziamento di Emilio Fede dal Tg4. Rassegna Stagna ha realizzato uno share importante nell’arco delle ventiquattro ore che sono seguite al siluramento del direttore Fede, attraverso il puntuale articolo di Menzo. Porgendo ancora il nostro omaggio alla carriera e all’insegnamento del giornalista, suggeriamo caldamente la candidatura in Parlamento
[continua a leggere...]

Elezioni in vista

Sondaggi, cartelloni e volantini sono solo l’apparenza, le campagna elettorali si decidono con i concorsi e gli appalti. Naturalmente pubblici. Sapientemente sospesi e rimandati alla chiusura delle urne. Chi racconta che, specie al Sud, i voti si acquistano con una busta della spesa o con un le schede telefoniche regalate “locali locali”, racconta una parte
[continua a leggere...]

Scalfari ama Monti, mio padre non compra più La Repubblica !

Effetti del governo tecnico. Effetti del giornalismo di parte. Mio padre, un uomo che ha portato a casa migliaia e migliaia di Repubblica, ogni giorno, sotto il braccio, al ritorno dal lavoro, non vuole più comprarla. “Da quando non c’è più Berlusconi non sanno che scrivere!” è la sua replica ogni volta che non vedo
[continua a leggere...]