RSPope.jpg

Posts Tagged ‘ mafia ’

Le piazzate per Brindisi

Le piazzate per Brindisi

Dopo esser stato ieri al Pantheon e aver ascoltato tutti quelli che (non) avevano qualcosa da dire su quel camioncino improvvisato, dopo che hanno fatto girare in piazza notizie errate (tipo che di morti a Brindisi ce n’erano stati due) e dopo chili e chili di retorica e collegamenti immotivati, questo è quello che mi
[continua a leggere...]

19 anni orsono…

19 anni orsono…

Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Grande partecipazione del mondo politico  in via D’Amelio per le celebrazioni in occasione del 19° anniversario della strage. …Un giorno l’anno lo ricordi, 364 mangi e lo scordi. Fonte Foto: Altracitta

Più che montagna di merda, stronzi da marciapiede

Più che montagna di merda, stronzi da marciapiede

33 anni, tanto è passato da quando Peppino Impastato è stato brutalmente assassinato dalla mafia a Cinisi. Il motivo? Prendeva per il culo i boss, li ridicolizzava, li dissacrava davanti il popolo trasmettendo da Radio Aut. “Peppino Impastato – Una storia ancora da raccontare”, è un video arrivato in finale al Festival del Giornalismo di
[continua a leggere...]

Esclusivo! Gli impercettibili segnali codici dei mafiosi

Esclusivo! Gli impercettibili segnali codici dei mafiosi

Salve italiani, lo sapevo che servivo io, vostro Muammar Gheddafi, per servirvi sul piatto certe cose sotto gli occhi di tutti. Ma o fate finta di niente, oppure siete proprio stupidi. Lascio a voi il giudizio. Non riuscite a dimostrare che Berlusconi e la mafia sono collusi? Non riuscite a capire che il 41bis non
[continua a leggere...]

Grazie Bobo, come te nessuno mai!!!!

Grazie Bobo, come te nessuno mai!!!!

E dire che quello scribacchino di Bob Saviano aveva osato infangare tutto e tutti. La Lega, la Lombardia, Milano, gli intoccabili lavoratori del nord. Che putiferio, che ignobile affronto. Il Bobo che i libri di Storia ricorderanno è un altro: Roberto Maroni, classe ’55. Nato a Varese, avvocato, discreto tastierista nei Distretto 51. La fissa
[continua a leggere...]

Ma dì soltanto una parola e tu sarai salvato

Ma dì soltanto una parola e tu sarai salvato

Avete presente, no? Se il magistratucolo di turno dichiara o sentenzia responsabilità di Berlusconi e/o cricca diventa automaticamente comunista e schierato. Ma se tale figura esclude coinvolgimenti in certi fatti, diventa un eroe. Un po’ come Mangano, che non parlò. Adesso il ministro della giustizia Angelino Alfano elogia il procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari.
[continua a leggere...]

Una città vergognosa

Una città vergognosa

L’anno scorso, esattamente il 19 luglio, ho partecipato alla marcia delle agende rosse, da via D’Amelio al vecchio quartiere natale di Paolo Borsellino, la Kalsa di Palermo. A distanza di 17 anni (ora 18), un grande rammarico. Poca gente volenterosa, tra cittadini civili e associazioni antimafia, qualche politico, qualche pezzo grosso della Procura, gli immancabili
[continua a leggere...]

Tutte strafighe ad Annozero

Tutte strafighe ad Annozero

Basta, è ora di smontare i vecchi clichè. Queste donne di sinistra poco avvenenti, poco curate, magari un po’ puzzolenti, trasandate, alternative, zingaresche, femministe. Sì, perchè in un programma schifosamente fazioso e significativo come quello di Santoro e compari, se questa sera tra gli ospiti campeggiavano gli ottogenari e i decrepiti come Travaglio, Sottile, Granata,
[continua a leggere...]

Al bar delle libertà

Al bar delle libertà

Non c’è censura al bar delle libertà. I clienti parlano, tra un latte macchiato e un Campari Soda. Ci incontri di tutto al bar delle libertà: guelfi e ghibellini, whig e tory, leghisti e marxisti. È il luogo della democrazia, il luogo dell’amore.

Cronache dallo Stretto di Messina in una notte di bus

Cronache dallo Stretto di Messina in una notte di bus

Per un terrone è quasi ovvio tornare a casa, quando possibile, per le vacanze. Il problema è l’essere così disorganizzato da pensare sempre alla partenza all’ultimo momento, con i prezzi dei voli inavvicinabili. Insomma, l’unica strada per risparmiare è quella: un bel bus diretto Roma-Palermo, tante ore, tanta scomodità. Ma alla fine si può fare.
[continua a leggere...]